13 agosto 2010

Lions Club, nuovo presidente. Germano Paris guiderà il sodalizio che compie 2 anni

CASTELLI CALEPIO
Charter night e passaggio di consegne per il Lions Club Val Calepio Val Cavallina. Nel corso di una cena conviviale, presso il ristorante «Stockolm» di Tagliuno di Castelli Calepio, si è festeggiata la «Charter Night», cioè il secondo anniversario di fondazione del club, ma soprattutto si è svolta la cerimonia di scambio delle consegne fra il presidente uscente Tommaso Putignano, di Trescore Balneario, e Germano Paris, di Parzanica. «È stato un anno sociale ricco di iniziative – ha detto Paris nel suo discorso di insediamento –. Dagli incontri tematici agli intermeeting con gli altri club, dalle commissioni di lavoro ai vari service (iniziative di solidarietà e progetti di assistenza) che hanno visto impegnato il consiglio direttivo e gli oltre 40 soci del club. Una menzione particolare merita il progetto Mission Kisawasawa, che ha riguardato la seconda fase dell’allestimento a Dar er Salam (Tanzania) di un ambulatorio medico di primo intervento diagnostico, del valore di 28.000 euro. Qui opera padre Benvenuto Mtemahanji, adottato da una famiglia di Grumello del Monte». «Il nostro club è giovane, ma molto attivo – ha continuato Paris –. Siamo tutti animati da un forte spirito di gratuità e di servizio. In un periodo di crisi globale, i Lions, con i propri principi e valori, sono più che mai un punto di riferimento della vita sociale ed economica internazionale». Ricordati gli altri progetti solidali messi in campo nel primo semestre 2010: il progetto «Libro parlato», per permettere alle biblioteche di Trescore e Grumello del Monte la distribuzione di audiolibri per non vedenti, dislessici e dializzati, e il progetto «Vincere nella vita», che punta a sostenere la «Special Bergamo Sport», l’associazione bergamasca formata da sportivi disabili motori.

Tiziano Piazza
L’Eco di Bergamo